Archivio di aprile 2016

Il Giubileo dei Giornalisti a Loreto

Nella mattinata di venerdì 22 aprile tutti i giornalisti marchigiani, su invito della Conferenza Episcopale Marchigiana, sono stati chiamati a Loreto per vivere un tempo di Grazia e un momento di riflessione. Particolarmente incisive le testimonianze di Mons.Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno, giornalista, autore e conduttore televisivo della rubrica religiosa “Sulla via di Damasco”, di Don Dino Cecconi, giornalista e membro dello staff di RaiUno per la regia della messa domenicale e del giornalista Saverio Gaeta, vaticanista di “Famiglia Cristiana”. Un’occasione spirituale molto bella che si è svolta nella Sala Paolo VI e si è conclusa con il rito giubilare, la recita dell’Angelus in Santa Casa e la Santa Messa presieduta da Mons.Giovanni D’Ercole. L’incontro è iniziato a partire dal Messaggio del Santo Padre per la 50° Giornata Mondiale delle Comunicazione sociali che si è tenuta il 24 gennaio: “Comunicazione e Misericordia: un incontro fecondo”. Nella nostra professione non dobbiamo essere semplicemente giornalisti cattolici, ma prima di tutto dei cattolici che svolgono il lavoro di giornalisti: ognuno di noi è una persona che vive concretamente la Fede nella propria vita, cogliendo questa sfida che riguarda non solo la nostra professione, ma l’Eternità.

“Per amore del mio popolo non tacerò”: queste parole del profeta Isaia devono essere il nostro motto, la nostra luce, poiché l’esperienza che raccontiamo mentre siamo in onda o scriviamo deve essere quella che noi per primi viviamo. Siamo persone che cercano e raccontano la Verità, la bellezza, la gioia del Vangelo, sperimentando la Misericordia nella comunicazione verso noi stessi in primo luogo e poi verso chi è misero e povero nel cuore. Esprimere Misericordia nella comunicazione significa dare il nostro cuore al misero, avendo sempre presente Dio, che per primo ha incontrato il misero. Comunicazione e Misericordia hanno in comune la Verità, la giustizia, l’Amore e il fatto di ritrovarsi proprio a Loreto, il luogo del “Si” dove il pellegrinaggio e il cammino della nostra vita è iniziato, assume un significato simbolico e autentico, perché ci mette in comunicazione con il divino e con tutta la storia della Chiesa, così come ha sottolineato Mons.Giovanni Tonucci che ha voluto donare il suo personale benvenuto a Loreto a tutti i giornalisti presenti. Seguiamo dunque l’esempio di Maria, la prima “giornalista” che è uscita per annunciare il messaggio della Santa Casa, la buona novella al mondo intero. In questo tempo di post-modernità, secolarizzazione, di “società liquida” dove tutto passa, tutto scorre e tutto muore, nessuno si chiede più attraverso il proprio lavoro le ragioni profonde della propria vita…Allora dobbiamo interrogarci affinchè la comunicazione crei ponti: dobbiamo essere vigilanti nel modo di esprimerci e nel rispetto di chi la pensa diversamente da noi. Nel Salmo 84 è scritto: “Misericordia e Verità s’incontreranno”: noi giornalisti e comunicatori possiamo essere i canali, i fattori, gli strumenti della Misericordia, ma mai esserne i creatori, se non in forza del lavoro di Dio. Il nostro piccolo contributo nel progetto divino sarà allora cercare di trasmettere all’altro quell’amore che abbiamo incontrato, percependo il senso che il nostro cuore attende, senza restare prigionieri del nostro limite, del nostro peccato. Siano per noi un faro sempre acceso le parole di Papa Francesco: “Comunicare significa condividere, e la condivisione richiede l’ascolto, l’accoglienza. Ascoltare è molto più che udire. L’udire riguarda l’ambito dell’informazione; ascoltare, invece, rimanda a quello della comunicazione, e richiede la vicinanza. L’incontro tra la comunicazione e la Misericordia è fecondo nella misura in cui genera una prossimità che si prende cura, conforta, guarisce, accompagna e fa festa.” L’invito alla condivisione sia una luce anche tra noi colleghi giornalisti, consapevoli che il nostro lavoro è per un bene più grande, al fine di aiutarci insieme a cogliere il senso più vero di quello che facciamo. Anche gli strumenti di comunicazione e la tecnologia siano usati per intessere relazioni umane non distruttive, poiché il cuore dell’uomo è fatto per la Verità e la Verità è sempre frutto di un incontro: dentro questo orizzonte si sperimenta la Misericordia, che è un abbraccio, una carezza, uno sguardo che ci fa sentire amati.

Benedetta Grendene